RIEMPIRE IL [VUOTO]: playlist degne di nota – Numero Due


Playlist in comode confezione da dieci. Da portare comodamente in qualsiasi posto. Musica buona, gentile: che ti tratta bene e poi improvvisamente ti urla nelle orecchie.

Per il volume due delle playlist di [VUOTO] ho pensato di saltare avanti ed indietro nel tempo: si parte alla grande con “Prima Noi” de Il Buio, protagonisti dell’ultimo “La Difficile Scelta del Nome” per poi ritornare al 2013 con le splendide urla dei milanesi Seesaw e la loro “Fase #4: Satellite (La notte del 24)” e poi di nuovo nel 2019 con le schizofrenie math/metal di Daniele Brusaschetto (“The Unreal Skyline“). Grazie agli amici di Non Piangere Dischi questa settimana trovate tre gruppi usciti per l’etichetta di Vicenza (gli Afraid! con “Whenever you go dancing there will always be someone who does the robot“, gli Electric KURU con “Juan Fernandez Petrel” e Black Lagoon con “Truth“) alternati ad Asclepio (il loro EP “Più Luce”, del 2012, è una vera chicca per artwork e musica: basso e batteria, dannatamente lo-fi, con spigolosità math ed urla in pieno stile screamo) con “Preparato solubile a base di coraggio“; i CULTRO ed il loro post-metal con “Morituri” e la combo finale: il post-hardcore dei Laika Nello Spazio (“Zenit“) e i magici Maisie con la strumentale “Dottor Marchionne, mi dispiace doverle comunicare che il suo tumore è maligno: le restano al massimo due settimane di vita“.

Detto questo, basta parole. Buon ascolto.


SE TI È PIACIUTO CIÒ CHE HAI LETTO, CONDIVIDI

email facebook fbmessenger tumblr twitter whatsapp telegram shortlink
VUOTO // contenitore da riempire con suoni degni di nota è una blogzine libera. 
Non c'è pubblicità e non ce ne sarà mai.
Non ci sono i classici gruppi che trovi altrove, qui si scava a fondo.