La Difficile Scelta Del Nome #10: SAX THIS CANDY


Ecco ritornata la curiosità riguardo il nome di un gruppo: quando ti arriva all’orecchio una band chiamata Sax This Candy, il cervello già comincia a viaggiare tra mondi rosa, montagne di zucchero filato e archi di caramelle abitati, però, da spogliarelliste ammiccanti e da musicisti in preda agli acidi ed agli allucinogeni. Quando poi fai il passo successivo e guardi il video di Human Piggy Banks – che trovate a fondo articolo e che anticipa il disco in arrivo questo inverno – realizzi che tutto ciò che avevi immaginato si materializza in acidità ballabili tra Rapture e Talking Heads, addentrandosi in giungle fitte di percussioni e bassi trascinanti, graffi di chitarra e dettagli che vanno a sfiorare tanto il post-punk quanto la no-wave.

Ma la curiosità rimane, e quindi non mi resta che chiedere Ma voi Sax This Candy perché vi chiamate così? ed è un attimo che si viene catapultati a

Bruxelles, primavera 2013.
Ivano ursini, chitarrista della band ma anche noto light designer, era in day off dal tour internazionale di Pino Daniele e si aggirava per le vie del centro storico della capitale belga in compagnia di un collega backliner.
All’improvviso il suo sguardo si “scontrò” con un’insegna, il claim pubblicitario di un negozietto di dolciumi che recitava “Suck this candy!” …

Con la complicità dell’inevitabile malizioso pensiero, sentenza fu emessa: «Questo è un grande nome per una punk band e così sarà». Pochi mesi più tardi e dopo innumerevoli session in studio a Pescara, in compagnia del basso di Giannicola D’Angelo, la voce e gli effetti di Fabio Di Zio aka Artista Sadico e la batteria dell’allora quarto componente Timmy Romano, arrivò il momento di darsi un’identità, un marchio aggregativo, un nome appunto.

Ivano era pronto. A fine prove e ancora chitarra a tracolla stirò le corde in una sorta di infernale jingle e annunciò: “Suck This Candy”.
L’impatto fu buono perché fondamentalmente siamo sempre stati una band che vive con passione contraddizioni e contrasti di varia natura ma riesce sempre a tener fede al proprio fluido. Siamo il contrario della dolcezza che può evocare una caramella e allo stesso tempo invitiamo ad assaggiarla, succhiarla, goderla, ingurgitarla, morderla, sputarla, vomitarla, maledirla. C’era però ancora qualcosa che mancava, quel tocco di stranezza, una firma. Dalle casse della regia mixer Fabio stava facendo suonare un disco dei Morphine: il Sassofono baritono di Dana Colley fu come se si accinse a coniare immediatamente il verbo “To Sax”. Quelle note ispirarono l’ebbra frase di Fabio “Sentite qua! Saxatevi sta caramella”; fu un istante, un parto facile e indolore: quei musicisti di una band senza un nome erano diventati i Sax This Candy.

Ora che ci siamo tolti la curiosità, non resta che goderci il video di Human Piggy Banks lasciandoci trascinare dal groove del brano e dai colori sfavillanti del video, in attesa del disco.

facebook » instagram » bandcamp
etichette: Vina Records, Grammofono Alla Nitro, Believe Digital

SE TI È PIACIUTO CIÒ CHE HAI LETTO, CONDIVIDI

email facebook fbmessenger tumblr twitter whatsapp telegram shortlink

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

VUOTO // contenitore da riempire con suoni degni di nota è una blogzine libera. 
Non c'è pubblicità e non ce ne sarà mai.
Non ci sono i classici gruppi che trovi altrove, qui si scava a fondo.